Alimentazione equilibrata? Sì grazie!

L’autunno è un’ottima stagione per giocare all’aria aperta e praticare sport come calcio, basket e baseball. Il giovane atleta ha bisogno di energie istantanee, resistenza e forza per giocare al meglio.

La dott. Ssa Rosenbloom proprietaria della consulenza Food & Nutrition Services LLC, ha pensato a quattro suggerimenti veloci da tenere in mente per l’alimentazione dei giovani sportivi: 

 

1) Il cibo è il carburante 

Se le macchine funzionano grazie alla benzina, il corpo umano ha bisogno di energia che preleva dagli alimenti per vivere. Quindi perché dare ai ragazzi cibo preconfezionato e zuccheri malsani?

Un ragazzo attivo nello sport ha bisogno di circa 3000-4000 calorie al giorno, mentre una ragazza ha bisogno dalle 2 200 alle 4000 calorie. È necessario scegliere cibo di qualità, variare nella scelta di frutta, verdura, provare alimenti integrali e carne bianca.  In particolare, bisogna ricordarsi di fare una colazione ricca alla mattina, in modo tale da affrontare al meglio la giornata con abbastanza energie. Per la colazione la dott.ssa consiglia pane integrale con il latte oppure integrare frutta e cereali integrali. 

 

2) I carboidrati sono essenziali

I carboidrati per uno sportivo sono essenziali perché si accumulano nell’organismo sotto forma di zuccheri per poi essere utilizzati durante l’attività fisica. Per questo, è consigliabile consumare toast, o altre forme di carboidrati prima dell’allenamento

 

3) Costruire i muscoli grazaie alle proteine

Soprattutto in fase di crescita, i muscoli dei ragazzi hanno bisogno di svilupparsi, grazie anche ad una buona alimentazione a base di proteine. Il pollo, pesce, uova, formaggio, yogurt, edamame sono ottime risorse di proteine. 

Anche i legumi come lenticchie, fagioli neri e ceci sono ottime fonti di proteine

 

4) Di tanto in tanto un ragazzo attivo nello sport ha bisogno di snack per ricaricarsi. Alcuni snack che si consigliano sono:

- Frutta secca

- Arachidi secche

- Granola

- Frutta fresca o essicata

 

Fonte : “eat right” Academy of Nutrition and Dietetics